SOGNO O SON DESTO!!?

2

Movimento, partito, gruppo, aggregazione, in positivo o in negativo, sono tutte parole che  possono avere un significato ed uno scopo molto simile, banalmente però, la differenza concettuale può  essere utilizzata con il solo scopo, molto in uso in questo momento storico in Italia, di sminuire “fenomeni”, direi rivoluzionari, “di rinascita delle coscienze”che hanno conquistato un popolo talmente abituato ai latrocini e ad un inesistente concetto di amor di patria o di bene comune o di  luoghi pubblici o di denaro pubblico che oggi, a fatica, questo popolo o parte di esso ha dovuto piano, piano ricominciare a pensare di potersi fidare di un movimento politico che, nato tra mille polemiche e critiche, ha operato delle scelte copernicane con contenuto, orgoglio e caparbietà, basti pensare alla riduzione volontaria del trattamento economico previsto per i parlamentari, somma puntualmente restituita ai cittadini sottoforma di credito alle imprese.

È sufficiente leggere il programma del Movimento 5 Stelle, nonché le concrete proposte formulate dai suoi componenti per comprenderne con assoluta certezza la differenza tra chi ha usato la politica per gli scopi di un’elite e chi invece ha  ricominciato a svolgerla nella sua naturale essenza ovvero nell’interesse di tutti noi.

Azioni concrete mai viste, non vuote e consuete parole.

Ho sempre avuto la mia ideologia politica, ma per parecchi anni angoscia e senso di inutilità hanno caratterizzato i miei sentimenti mentre mi avviavo al seggio elettorale. Delusione e senso di impotenza invece sono state le mie compagne nel valutarne il risultato.

Solite facce, solite parole. Soliti risultati.

E l’Italia, intanto è andata alla deriva. Fasce di popolazione sotto la soglia della povertà, disagio sociale con abusi e violenza in crescita, tipici fenomeni  degli Stati mal governati, ingiustizie che acuiscono la sfiducia dei cittadini, corruzione condivisa come normale modus operandi, rappresentanti politici arrivisti e ignoranti, enti e istituzioni mal funzionanti, manutenzione ordinaria di strade e strutture pubbliche inesistente o votate all’interesse esclusivo di “pochi”, rispetto per l’ambiente circostante e per gli animali inesistente, rispetto per gli esseri umani inesistente.

E l’analisi potrebbe andare avanti per molte pagine, purtroppo.

Pertanto, stupisce, positivamente, che ci siano ancora tante persone, famiglie e single, uomini e donne,  giovani e anziani, imprenditori e operai, impiegati e agricoltori, cantanti e ballerini, attori e cantastorie che hanno mantenuto valori propri come la dignità, la cultura, l’educazione, la legalità, la correttezza, la dedizione, la serietà, eccetera, eccetera. Persone rimaste vergini, nonostante questi anni di mal governo e di esempi di corruzione e malcostume a tutti i livelli.

Persone che ancora credono nell’onesta, nel decoro, nella legalità, nell’amor proprio dell’essere umano.  Perché ogni  concetto pubblico deve ruotare intorno all’essere umano, al suo benessere fisico e psicologico, alla sua felicita, diversamente avremmo creato ed è già avvenuto un mondo non a misura di esseri umani liberi.

E’ ricominciata la sudditanza su grande scala. Un regno internazionale con a capo alcuni Re che si dividono una manciata di esseri viventi diventati a tutti gli effetti sudditi anche se inconsapevoli, affamati, lerci e pazzi, concetti comuni in ogni latitudine del pianeta anche se con un aspetto concreto diverso.

Fame di cibo o di soldi.

Sporchi di fango o di indegnità.

Pazzi di povertà o di turni di lavoro massacranti.

Ma la Storia ci è testimone. L’essere umano bistrattato trova la forza di risalire e cosi avviene in ogni angolo di questo splendido mondo. Con modi, conseguenze e tempi diversi, ma tutto si muove.

E cosi, nel nostro piccolo, ma splendido paese, l’Italia, tra questi titani imperturbabili sono emerse delle persone che ancor più coraggiose e ottimiste hanno aderito attivamente ad un percorso diventato il  Movimento per antonomasia, il M5S, e che anno dopo anno, decisione dopo decisione, attacco dopo attacco, ingiuria dopo ingiuria sono riusciti con dedizione, passione e coerenza  a conquistare milioni di italiani.

Che si chiami Movimento o Cammino o in qualsiasi altro modo è solo una scelta terminologica oramai poco rilevante, mentre ciò che conta sono i  Programmi mai disattesi, i principi mai rinnegati, l’autonomia di decisione, la sostanza delle proposte di legge mai intaccata da accordi con altre forze politiche corrotte in modo evidente, il coerente interesse esclusivo per il popolo italiano.

Ed ecco che a furor di popolo questo Movimento continua la sua ascesa democratica e non comprata, conquistando non con le vane parole, ma con i fatti quotidiani costanti e coerenti, riunendo da una parte  l’impavido cittadino che fiducioso ed ottimista ha votato sin dall’inizio questo manipolo di persone inizialmente deriso e adesso acclamato e dall’altra il cittadino disilluso e scettico che in questi anni ne ha voluto osservare il modus operandi, perché necessitava di coerenza e che col suo voto ha decretato l’affidabilità del Movimento 5 Stelle.

Il sogno può diventare realtà.

Un’Italia all’insegna della legalità e del contenuto, cosi degna di rispetto sia nell’immaginario collettivo nazionale sia a livello internazionale.

Un sogno che è diventato un obiettivo politico condiviso da rappresentati e rappresentanti.

Leave a Reply

My New Stories

error: Content is protected !!